Servizi

Prescrizioni di sicurezza durante le visite ad OAC

PRESCRIZIONI PER I VISITATORI

 

Di seguito vengono presentate alcune indicazioni e raccomandazioni per la salvaguardia della salute e della sicurezza sia del nostro personale sia di chi, a qualunque altro titolo, si trova a frequentare la sede dell’Osservatorio Astronomico di Cagliari.

Tutti gli ospiti ed i visitatori non appartenenti a ditte o ai lavoratori autonomi compresi o richiamati nel DUVRI debbono presentarsi all’ingresso richiedendo l’accesso ad un referente dell’Osservatorio ed attenersi alle regole di accesso e frequentazione che questi impartirà.

E’ raccomandato di segnalare, anche in deroga ai diritti sulla privacy, al proprio accompagnatore/referente eventuali allergie o altre condizioni psicofisiche che possono compromettere la salute o la sicurezza o la normale frequentazione di luoghi con rischi particolari o le eventuali attività di intervento di emergenza e pronto soccorso. A titolo esemplificativo e non esaustivo consigliamo di segnalare: eventuali allergie, sindromi da claustrofobia o da acrofobia, eventuali necessità in caso di perdita di coscienza o di controllo della mobilità (ad esempio epilessia), rischi da punture di insetti, eventuali limitazioni di accesso a luoghi particolari (ad es. per portatori di pace maker, affetti da favismo, ecc.) e comunque quanto altro si ritenga necessario.

In ogni caso è sempre bene:

·         attenersi alle normali regole di prudenza;

·         ricordare che è buona norma non eseguire operazioni per le quali non si è autorizzati ed esperti;

·         non entrare o aggirarsi per il sito in assenza di un referente dell’Osservatorio.

Si ricorda che al di fuori della viabilità principale le superfici calpestabili, comprese quelle adibite a parcheggio, sono assimilabili ad un terreno agricolo, pertanto è necessario procedere con le dovute cautele.

 

I visitatori che partecipano alle serate pubbliche organizzate dall’INAF – Osservatorio Astronomico di Cagliari devono, in particolare, attenersi alle seguenti regole:

 

1.       partecipare al briefing di sicurezza iniziale che sarà tenuto dal Responsabile della serata;

2.       non uscire dagli spazi e dalle aree che saranno delimitate da appositi dispositivi (p.e. paletti e corde bianco-rosse);

3.       non scavalcare eventuali recinzioni ed entrare in aree delimitate e/o segnalate e/o perimetrate senza esplicita e preventiva autorizzazione;

4.       non manomettere, anche temporaneamente, i dispositivi di protezione, l’illuminazione, la segnaletica;

5.       L’accesso ai servizi igienici deve limitarsi a quelli indicati dal personale dell’INAF;

6.       prestare attenzione ad eventuali cavi elettrici per evitarne il danneggiamento.

7.       qualsiasi intervento su impianti elettrici  o utenze deve essere esplicitamente  richiesto o autorizzato. Anche il semplice utilizzo di prese a spina di tipo civile (ad es 10 e 16 A o bipasso) deve essere esplicitamente richiesto ed autorizzato;

8.       E’ presente la segnaletica di sicurezza in prossimità dei locali tecnici. Rispettare le prescrizioni riportate in particolare relative al divieto di accesso e all’eventuale obbligo di utilizzo dei Dispositivi di protezione individuale.

9.       La velocità degli automezzi è limitata a 10 km/h e l’accesso all’area CON QUALSIASI MEZZO anche con semplici velocipedi (biciclette) deve essere autorizzato e deve avvenire sotto il diretto controllo di un responsabile dell’osservatorio. Quest’ultimo fornirà le indicazioni per la percorrenza della viabilità e del corretto parcheggio; in ogni caso è vietato ostruire le uscite di emergenza, l’eventuale accesso previsto per i mezzi di soccorso, il punto di raccolta.

10.    qualora accompagnino dei minori, vigilare affinché rispettino le stesse prescrizioni imposte ai visitatori;

11.    In caso di emergenza attenersi alle indicazioni contenute nei due riquadri seguenti.

 

 

PROCEDURE DI EMERGENZA DELLA SEDE PER OSPITI E VISITATORI

MISURE PREVENTIVE

·         È vietato fumare e fare uso di fiamme libere nelle zone prescritte

·         È vietato gettare nei cestini mozziconi, sigarette, materiali infiammabili, ecc…

·         Evitare l’accumulo di materiali infiammabili

·         Non impiegare fornelli o appare o apparecchi di riscaldamento alimentati a combustibili solidi, liquidi, gassosi o elettrici con la resistenza in vista.

·         Mantenere libere le vie di uscita.

 

INDICAZIONI IN CASO DI INCENDIO

·         Il segnale di allarme è fornito con sirena

·         Attenersi alle istruzioni ed alle indicazioni del personale dell’INAF.

·         Evitare di utilizzare gli estintori se non si è ricevuto specifico addestramento.

·         Abbandonare l’area lasciando tutte le attrezzature in uso in condizioni di sicurezza.

·         Seguire le indicazioni dei vigili del fuoco, se nel frattempo sono giunti.

·         Coprirsi il volto con fazzoletti umidi in presenza di fumo e fiamme e portarsi sopravento rispetto alla zona di incendio

 

INDICAZIONI IN CASO DI MALORE

·         Avvisare immediatamente uno degli addetti al primo soccorso indicati dal personale OAC nel briefing iniziale. Non allontanarsi autonomamente.

·         Evitare di porgere primo soccorso o effettuare manovre di soccorso se non si è ricevuto specifico addestramento.

·         Attenersi alle istruzioni ed alle indicazioni del personale dell’INAF.

 

 

Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP),

Dottor Riccardo Merluzzi

Email: mrlrcr01@uniroma2.it